Permesso di Soggiorno in Italia: la guida completa

Studio Legale permesso di soggiorno a cesena

IL PERMESSO DI SOGGIORNO IN ITALIA:
LA GUIDA COMPLETA

SEI IN ITALIA E VUOI RICHIEDERE ED OTTENERE IL PERMESSO DI SOGGIORNO?

Il primo passo fondamentale è quello di avere chiarezza su cosa è il Permesso di Soggiorno e su tutti i requisiti e le fasi necessarie per ottenerlo.

Ecco perché ho realizzato una guida in cui ti spiego tutto quello che devi sapere!

Ma prima di cominciare guarda il video!

che cosa è il permesso di soggiorno

ll permesso di soggiorno è un titolo che viene concesso al cittadino straniero e che da il diritto di soggiornare in tutto il territorio nazionale, per una durata specifica ovvero illimitata (se si tratta di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo) e che gli permette di svolgere le attività consentite dalla legge e inerenti al motivo per il quale gli viene rilasciato.

Il permesso di soggiorno può essere considerato un documento di identità?

Solo il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno), è anche un documento di identificazione, ma solo nei primi 5 anni dal rilascio.

Il permesso di soggiorno, invece, è solo un documento di riconoscimento, come previsto dall’art.1, lett. c) del D.P.R. n.445/2000, quindi il cittadino straniero quando deve essere identificato deve esibire anche il passaporto o altro documento identificativo (es. carta d’identità, patente…).

permesso di soggiorno requisiti

Chi è cittadino straniero per la legge italiana?

Straniero è colui è colui che non ha la cittadinanza italiana e può essere:

  • cittadino comunitario quando ha la cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda,Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria)
  • cittadino di Paese terzo, o extra-comunitario, quando ha la cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, ed in questa accezione viene considerato dalle disposizioni contenute nel d.lgs n.286/98 e succ.mod, Testo Unico sull’Immigrazione e nel suo Regolamento di Attuazione, d.p.r. n.334/99 e succ.mod.

Requisiti per ottenere il permesso di soggiorno.

Per ottenere il Permesso di Soggiorno è necessario essere in possesso di una serie di requisiti:

  1. Possesso di un visto d’ingresso;
  2. Ingresso regolare, in base ai requisiti e condizioni generali (art.4 d.lgs. n.286/98 e succ.mod., Testo Unico sull’Immigrazione)
  3. Presentazione della richiesta di permesso di soggiorno entro 8 giorni lavorativi dall’ingresso (art.5, comma 2, T.U. Immigrazione

Quando l’ingresso del cittadino straniero si intende regolare?

L’ingresso del cittadino straniero si intende regolare:

– se si presenta ad un valico di frontiera autorizzato;

– se è in possesso di un valido passaporto o di altro documento di viaggio equivalente;

– se dispone di documenti che giustificano lo scopo e le condizioni del soggiorno e dimostri di disporre di mezzi finanziari sufficienti in relazione alla natura e alla durata del soggiorno ed alle spese di ritorno nel Paese di provenienza o di transito verso uno Stato terzo;

– se non è segnalato ai fini della non ammissione;

– se non è considerato pericoloso per l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato;

– se non è stato condannato, anche con sentenza non definitiva (compresa quella adottata a seguito di patteggiamento) per uno dei reati previsti dall’art.380, commi 1 e 2 del codice di procedura penale, ovvero per reati inerenti gli stupefacenti, la libertà sessuale, la contraffazione, la tutela dei marchi e dei diritti d’autore, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina verso l’Italia, dell’emigrazione clandestina dall’Italia verso altri Stati o per reati diretti al reclutamento di persone da destinare alla prostituzione o di minori da impiegare in attività illecite.

Se ti trovi in questa situazione scopri come pulire la tua fedina con la riabilitazione penale per il permesso di soggiorno!

Tipi di permesso di soggiorno.

Il permesso di soggiorno viene rilasciato per il motivo indicato nel visto di ingresso, salvo disposizioni vigenti, e la durata del permesso è uguale a quella prevista dal visto d’ingresso (art.5, comma 2 e 3, T.U. Immigrazione)

I principali motivi del soggiorno sono:

– Permesso di soggiorno per LAVORO SUBORDINATO (anche stagionale)
– Permesso di soggiorno per LAVORO AUTONOMO
 Permesso di soggiorno per MOTIVI di FAMIGLIA
– Permesso di soggiorno per STUDIO
 Permesso di soggiorno per MOTIVI RELIGIOSI
– Permesso di soggiorno per ATTIVITA’ SPORTIVA
– Permesso di soggiorno per CURE MEDICHE

Scopri i permessi di soggiorno che permettono di lavorare.

Permessi di soggiorno senza visto di ingresso

In casi eccezionali il Testo Unico Immigrazione consente il rilascio del permesso di soggiorno senza un visto di ingresso specifico e quando il cittadino straniero si trova già in Italia.

E sono:

– MINORI IN STATO DI ABBANDONO (minore età) (art.11, lett.c) sexies, Reg. Att.)

– PROTEZIONE SOCIALE (art.18 T.U.Immigrazione – art.27 Reg. Att.)

 Permesso di soggiorno per ASSISTENZA MINORE (D.lgs n.5/2007 – sezione 12. la condizione del minore straniero)

– CURE MEDICHE (cittadina straniera irregolare in gravidanza o che ha partorito da meno di sei mesi / coniuge di cittadina straniera irregolare in gravidanza o che ha partorito da meno di 6 mesi – art.28, lett.c), Reg. Att.)

– MOTIVI DI GIUSTIZIA (art.11, lett.c – bis), Reg. Att.)

– MOTIVI UMANITARI / PROTEZIONE SUSSIDIARIA (art.11, comma 1, lett.c – ter), Reg. Att.)

– RICHIESTA ASILO – ASILO POLITICO (art.11, lett.a) Reg. Att. – sezione 16. asilo politico e protezione umanitaria)

– EMIGRAZIONE IN UN ALTRO PAESE e ATTESA CITTADINANZA (art.11, lett b) e c) Reg. Att.)–

Costo del permesso di soggiorno

La misura del contributo è determinata in base alla durata del permesso di soggiorno:

  1. a) € 40,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e inferiore o pari a un anno 
  2. b) € 50,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a un anno e inferiore o pari a due anni
  3. c) € 100,00 per il rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e per i richiedenti il permesso di soggiorno ai sensi dell’art. 27, comma 1, lett.a) del T.U. Immigrazione

I costi per ottenere il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno elettronico ammontano a:

  • 30,00 euro per la spedizione del kit postale;
  • 16,00 euro (marca da bollo da applicare sul modulo 1 presente nel kit postale).

Sono inoltre richiesti 30,46 euro per la stampa del permesso di soggiorno elettronico (smart card), cui si aggiunge l’eventuale contributo (di importo variabile in base alla durata del permesso) sopra descritto, se dovuto:

  • € 70,46 (40,00 + 30,46) per permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e sino ad un anno;
  • € 80,46 (50,00 + 30,46) per permessi di soggiorno di durata superiore a un anno e sino a due anni;
  • € 130,46 (100,00 + 30,46) per permesso di soggiorno di lungo periodo UE (ex carta di soggiorno) e per il rilascio del permesso di soggiorno per i dirigenti e i lavoratori specializzati.

Il pagamento degli importi avviene mediante compilazione dell’apposito bollettino predisposto dal Ministero dell’economia e delle finanze e presente all’interno del kit postale. La ricevuta di pagamento del contributo va esibita al momento della convocazione in Questura per i rilievi foto-dattiloscopici.

 

Non viene richiesto il versamento di tale contributo per il rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno per:

1) i richiedenti asilo, protezione sussidiaria, protezione speciale, casi speciali;

2) minori, compresi quelli arrivati per ricongiungimento familiare;

3) i cittadini stranieri che sono in Italia per cure mediche e i loro accompagnatori;

4) aggiornamento (anche del permesso UE per soggiornante di lungo periodo) o conversione del titolo di soggiorno in corso di validità;

5) i richiedenti i permessi di soggiorno UE per i familiari extracomunitari di cittadini comunitari/italiano (art.10, comma 6, D.lgs. n.30/2007). 

Documenti generali per il rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno

Per inviare la domanda di richiesta del Permesso di soggiorno. o del Rinnovo, sono necessari una serie di documenti:


1) marca da bollo da € 16,00
2) passaporto in corso di validità (e copia delle pagine coi dati anagrafici e la scadenza, visti
3) permesso di soggiorno, se in possesso
4) 4 fototessere del richiedente, più 4 fototessere degli eventuali figli minori degli anni 14 d a inserire nel permesso di soggiorno (i figli devono essere presenti alla convocazione)
5) codice fiscale
6) certificazione attestante l’attuale dimora:
-certificato di residenza, oppure
-dichiarazione di ospitalità/cessione di fabbricato vidimata dall’ufficio ricevente o con ricevuta di spedizione alla Questura.

Inoltre ciascun tipo di permesso di soggiorno richiederà ulteriore e specifica documentazione.

Approfondisci l’argomento leggendo la guida Documenti Rinnovo Permesso di Soggiorno.

 

 

Sanatoria 2020 documenti per convocazione prefettura

Per quali permessi di soggiorno la richiesta di rilascio, rinnovo, conversione o aggiornamento va fatta direttamente in Questura?

A. Rilascio/rinnovo/duplicato/aggiornamento delle seguenti tipologie di permessi di soggiorno in formato elettronico per:

  • assistenza minore (artt.31, comma 3, e 29, comma 6, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni);
  • affidamento (art.2, comma 2, legge 184/83, e art.29, comma 2, e  art.34, comma 1, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni);
  • vacanze lavoro;
  • rilascio status di apolide (art.11, comma 1, lettera c), DPR n.394/99 e succ. mod. e art.6, comma 1-bis, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni);

B. Rilascio/rinnovo/duplicato/aggiornamento delle seguenti tipologie di permessi di soggiorno in formato cartaceo per:

  • cure mediche (art.19, comma 2, lettera d-bis,) d. lgs 286/98 succ. mod. ed integrazioni);
  • cure mediche con visto dall’estero (art.36, comma 3, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni);
  • integrazione minore (art.32, comma 1-bis, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni e artt.14 comma 1, e 11, comma 1, lettera c-sexies, D.P.R. n.394/99 e succ. mod);
  • minore età (art.33, commi 2 e 2-bis, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni, Circolare del Ministero dell’Interno del 13 Novembre 2000 “permessi di soggiorno per Minore età rilasciati ai sensi dell’art. 28, comma 1 lett. A), del D.P.R. 394/99”);
  • motivi di giustizia (art. 11, comma 1, lett. c-bis D.P.R 394/99 e succ. mod. e integrazioni);
  • acquisto della cittadinanza o dello stato di Apolide (art.11, comma 1, lettera c), DPR n.394/99 e succ. mod. e art.6, comma 1-bis, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni), ad eccezione dei casi in cui lo straniero era precedentemente in possesso di un permesso per richiesta asilo;
  • richiesta asilo politico – nei 60 giorni dalla presentazione della domanda di protezione internazionale (art.22, comma 1, d.lgs. n.142/2015 e succ. mod.);
  • calamità (art.20-bis, d.lgs. n.286/98 e succ. mod. ed integrazioni);
  • parente entro II grado di cittadino italiano (art.19, comma 2, lettera c), d.lgs n.286/98 e succ.mod. e integrazioni)

L’istanza deve essere presentata personalmente dal richiedente, che viene identificato all’atto dell’accettazione (con passaporto e, in caso di rinnovo, aggiornamento o conversione, anche permesso in scadenza) e ottiene un cedolino con fotografia e timbro datario della Questura.

Il cedolino con fotografia e timbro datario consente allo straniero di godere dei medesimi diritti riconosciuti al titolare di un permesso di soggiorno in corso di validità qualora in possesso dei requisiti previsti.

Quali permessi di soggiorno non si pagano?

Non viene richiesto il versamento di un contributo per il rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno per:

1) asilo, richiesta asilo, protezione sussidiaria, motivi umanitari
2) minori, compresi quelli arrivati per ricongiungimento familiare
3) cure mediche (anche per gli accompagnatori)
4) aggiornamento o conversione del permesso di soggiorno in corso di validità
5) carta di soggiorno UE per familiare extracomunitario di cittadino comunitario/italiano (art.10, comma 6, del D.lgs. n.30/2007).

Come richiedere il permesso di soggiorno in Italia

Il permesso di soggiorno viene rilasciato dalla Questura della provincia in cui lo straniero si trova (art.5, comma 2, T.U. Immigrazione), o meglio del Questore della provincia nella quale lo straniero intende soggiornare. 

La domanda deve essere fatta dallo straniero ed entro il termine di 8 giorni lavorativi dall’ingresso; se non lo fa, la conseguenza è il rifiuto del permesso e l’espulsione dallo Stato Italiano salvo che il ritardo sia dipeso da cause di forza maggiore, da giustificare e dimostrare.

Non perdere altro tempo!!

Kit postale per il rilascio, rinnovo, conversione e aggiornamento del permesso di soggiorno

La richiesta di primo rilascio, rinnovo, conversione o aggiornamento delle principali tipologie di titoli al soggiorno deve essere trasmessa tramite gli Uffici Postali abilitati, contrassegnati dal logo “Sportello Amico”, utilizzando un apposito kit (busta gialla) che è a disposizione presso gli stessi uffici postali.

La ricevuta dell’assicurata postale certifica l’avvenuta presentazione dell’istanza e permette allo straniero di godere dei medesimi diritti riconosciuti al titolare di permesso di soggiorno in corso di validità, ad esempio potrà lavorare e richiedere il ricongiungimento familiare.

Al momento della spedizione del kit postale, il cittadino straniero che ha presentato istanza di permesso di soggiorno riceve già la comunicazione della data e dell’ora del giorno dell’appuntamento in cui dovrà presentarsi all’Ufficio Immigrazione per effettuare i rilievi fotodattiloscopici.

In sede di convocazione, lo straniero dovrà produrre 4 fotografie formato tessera su sfondo bianco, la documentazione in originale già allegata al momento della spedizione dell’istanza e, se la sua condizione giuridica è mutata rispetto a quella in cui ha presentato l’istanza, dovrà produrre altresì tutta la documentazione aggiornata che certifica il suo nuovo status.

Hai presentato domanda di rilascio del permesso di soggiorno? Controlla online lo stato di rilascio del tuo permesso di soggiorno, leggi l’articolo che ho realizzato!

Vuoi ottenere il Permesso di Soggiorno?

durata del permesso di soggiorno

La durata del permesso di soggiorno è quella prevista dal visto di ingresso e varia a seconda del motivo per cui lo straniero è autorizzato a soggiornare nel territorio:

  1. fino a tre mesi nel caso di soggiorni di breve durata per visite e affari
  2. fino a sei mesi, rinnovabile per un anno, nel caso di permesso per motivi di protezione sociale
  3. fino a nove mesi nel caso di soggiorno per lavoro stagionale, non rinnovabile
  4. fino ad un anno in relazione alla frequenza di un corso per studio o per formazione rinnovabile annualmente se corso pluriennale
  5. fino a due anni nel caso di soggiorni per lavoro autonomo, per lavoro subordinato a tempo indeterminato e per ricongiungimento familiare;
  6. fino ad un anno se si tratta di lavoro subordinato a tempo determinato
  7. secondo le necessità specificamente documentate, negli altri casi consentiti dal Testo Unico o dal suo Regolamento di Attuazione

rinnovo del permesso di soggiorno

Il rinnovo del Permesso di Soggiorno deve essere chiesto al Questore della provincia in cui dimora lo straniero almeno 60 giorni prima della scadenza (art.5, comma 4, T.U. Immigrazione).

Se invece sono decorsi più di 60 giorni dalla data di scadenza del permesso di soggiorno, senza che sia stata fatta domanda di rinnovo, salvo che il ritardo sia dipeso da cause di forza maggiore, può essere disposta l’espulsione.

Devi rinnovare il Permesso di Soggiorno?

Il permesso di soggiorno può essere rinnovato se il cittadino straniero si allontana per lungo tempo dal territorio italiano?

Il permesso non potrà essere rinnovato, o prorogato, qualora risulti che il cittadino straniero abbia interrotto il soggiorno in Italia per un periodo continuativo superiore a 6 mesi o, per i permessi di durata almeno biennale, per un periodo continuativo superiore alla metà del periodo di validità del permesso di soggiorno, salvo che l’interruzione sia dovuta all’adempimento degli obblighi militari o altri gravi e comprovati motivi

revoca del permesso di soggiorno

Il provvedimento di revoca viene adottato quando, in un momento successivo al rilascio del permesso, “vengono a mancare i requisiti richiesti per l’ingresso ed il soggiorno nel territorio dello Stato” (art.5, comma 5, T.U. Immigrazione) oppure, “sulla base di convenzioni o accordi internazionali, resi esecutivi in Italia, quando lo straniero non soddisfi le condizioni di soggiorno applicabili in uno degli Stati contraenti (art.5, comma 6, T.U. Immigrazione).

Per approfondire leggi l’articolo sulla Revoca del Permesso di soggiorno.

Annullamento del permesso di soggiorno

Il provvedimento di annullamento si ha invece quando, in un momento successivo al rilascio del titolo, si accerti che esso è stato concesso illegittimamente per mancanza originaria dei requisiti. Competente per tali provvedimenti è lo stesso Questore che ha provveduto al rilascio del permesso di soggiorno.

Per approfondire leggi l’articolo sull‘annullamento del Permesso di soggiorno.

Conversione del permesso di soggiorno

La conversione del permesso di soggiorno è un procedimento attraverso il quale il cittadino straniero, già autorizzato a soggiornare nel territorio italiano, richiede un titolo al soggiorno per un nuovo motivo diverso da quello originario, qualora ne sussistano i presupposti previsti dalla legge.

Non tutti i permessi di soggiorno possono essere convertiti.

Scopri l’importante novità della conversione del permesso di soggiorno per assistenza minori, in permesso per motivi di lavoro!

Leggi anche la guida Nuove Conversioni Permesso di soggiorno 2020

Vuoi convertire il Permesso di Soggiorno?

Cos’è il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo?

Ho scritto una guida e un Ebook dedicato al Permesso di Soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo!

Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, che ha sostituito la i documenti per carta di soggiorno, è un titolo di soggiorno che riconosce una condizione privilegiata al suo titolare perché lo autorizza a permanere in Italia a tempo indeterminato.

Il possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo consente:

  1. di fare ingresso in Italia in esenzione da visto e circolare liberamente sul territorio nazionale;
  2. di svolgere ogni attività lavorativa subordinata od autonoma, salvo quelle che la legge espressamente vieta allo straniero o comunque riserva al cittadino comunitario (art.9, comma 4, lett. b), T.U.I.). Per lo svolgimento di attività di lavoro subordinato non è richiesta la stipula del contratto di soggiorno di cui all’art. 5-bis, T.U. Immigrazione
  3. di usufruire delle prestazioni di assistenza sociale, di previdenza sociale, di quelle relative ad erogazioni in materia sanitaria, scolastica e sociale, di quelle relative all’accesso a beni e servizi a disposizione del pubblico, compreso l’accesso alla procedura per l’ottenimento di alloggi di edilizia residenziale pubblica, salvo che sia diversamente disposto e sempre che sia dimostrata la sua effettiva residenza sul territorio nazionale;
  4. di partecipare alla vita pubblica locale, con le forme e nei limiti previsti dalla vigente normativa.

Guida completa sul permesso di soggiorno illimitato UE

LA GUIDA COMPLETA: "tutto quello che nessuno ti dice sul permesso di soggiorno illimitato"

Quali sono i requisiti per avere il permesso illimitato?

I requisiti per ottenere il permesso di soggiorno illimitato sono:

  1. possedere da almeno cinque anni un permesso di soggiorno in corso di validità;
  2. avere un reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale aumentato della metà della cifra risultante per ogni familiare a carico, nel caso di richiesta relativa anche a quest’ultimi. In presenza di due o più figli di età inferiore agli anni 14 è richiesto, in ogni caso, un reddito minimo non inferiore al doppio dell’importo annuo dell’assegno sociale.
  3. essere residente in un Comune al momento della presentazione dell’istanza
  4. disporre di un alloggio idoneo che rientri nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, attestato dall’ufficio tecnico comunale competente;
  5. possedere un livello di conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello A2;
  6. non essere considerato pericoloso per l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato.

Quando il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo viene revocato?

Il Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo viene revocato:

  • se è stato acquisito fraudolentemente
  • in caso di provvedimento di espulsione
  • se è in corso un procedimento penale o è stata pronunciata una sentenza di condanna, anche non definitiva, in seguito a gravi reati
  • quando mancano o vengono a mancare le condizioni per il rilascio e lo straniero diventi pericoloso per l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato
  • in caso di assenza dal territorio dell’Unione per un periodo di dodici mesi consecutivi
  • in caso di conferimento di permesso di soggiorno di lungo periodo da parte di altro Stato membro dell’Unione Europea, previa comunicazione da parte di quest’ultimo, e comunque in caso di assenza dal territorio dello Stato per un periodo superiore ai sei anni (art.9, comma 7, T.U. Immigrazione).

Il familiare extracomunitario del cittadino dell’Unione Europea che vive in Italia può ottenere un titolo al soggiorno?

I familiari extracomunitari, che accompagnano o raggiungono il cittadino dell’Unione Europea, che vive o si trasferisce in Italia, possono chiedere una carta di soggiorno come familiari di cittadino dell’Unione Europea, perché ad essi è riconosciuto il diritto di libera circolazione e soggiorno nel territorio.

Scopri di più sulla carta di soggiorno familiare cittadino UE.

Permesso di soggiorno in Italia: conclusione

In questa guida abbiamo parlato del Permesso di Soggiorno e di tutto quello che devi sapere.

SE VUOI OTTENERE ANCHE TU IL TUO PERMESSO DI SOGGIORNO

Il primo passo per affrontare il tuo caso

Troviamo insieme

la soluzione per risolvere ogni cosa